Come pagare la tassa di possesso

Pubblicato il: 27 apr, 2012 - Tag:
diportisti-a-noleggio

Sono stati resi pubblici i moduli e le modalità di pagamento per la tassa di possesso che sarà obbligatoria dal 1 maggio 2012. E’ possibile pagare la tassa sia con il modello F24 e sia con il classico Bonifico Bancario.
Andiamo a vedere dove scaricare i moduli e come riempirli:

- Pagamento via Bonifico Bancario:

Effettuare un bonifico in euro al bilancio dello Stato italiano, precisamente al Capo 8 – Capitolo 1222, indicando:

1) codice BIC: BITAITRRENT;
2) causale del bonifico: generalità dell’armatore,  sigla di iscrizione dell’unità da diporto, codice tributo e periodo di riferimento (1° maggio-30 aprile dell’anno successivo)
3) IBAN: IT15Y0100003245348008122200, pubblicato anche sul sito internet della Ragioneria Generale dello Stato – Ministero dell’Economia e delle finanze www.rgs.mef.gov.it.

- Per pagare con modello F24 Versamenti con Elementi Identificativi:

Prima di tutto scaricare il modello da compilare e le avvertenze.

Alla voce “CONTRIBUENTE” si indicano i dati anagrafici e il codice fiscale.
Alla voce “ERARIO ED ALTRO” in corrispondenza degli “importi a debito versati”:
- nel campo “tipo” si deve indicare la lettera “R”
- nel campo “elementi identificativi” va inserita la sigla di iscrizione dell’imbarcazione da diporto
- nel caso di contratti di cui all’articolo 16, comma 7, del decreto legge 201 del 2011, nel campo “elementi identificativi” si inserisce anche l’indicazione nei primi 6 caratteri, del giorno di inizio del contratto, del giorno e del mese di fine periodo del contratto, nel formato “GGGGMM” e nei successivi spazi il codice identificativo dell’unità da diporto.
- Nel campo “codice” si inserisce il codice tributo; di seguito la leggenda:

“3370″ per il pagamento della tassa, denominato “Tassa sulle unità da diporto – art. 16, comma 2, d. l. 201/2011″

“8936″ per il pagamento della sanzione dovuto al mancato pagamento della tassa, denominato “Tassa sulle unità da diporto – art. 16, comma 2, d. l. 201/2011 – Sanzione”

“1931″ per il pagamento degli interessi sul ravvedimento, denominato “Tassa sulle unità da diporto – art. 16, comma 2, d. l. 201/2011 – Interessi”

- nel campo “anno di riferimento” indicare l’anno di decorrenza della tassa; es: 1 maggio 2012 – 30 aprile 2013. Nel caso dei contratti di cui al citato articolo 16, comma 7, con durata a cavallo di due anni solari viene indicato l’anno di decorrenza indicato nel contratto.

La tassa dovrà essere pagata entro il 31 Maggio di ciascun anno e avrà valenza sempre dal 1 Maggio al 30 Aprile dell’anno successivo. Clicca qui per calcolare la tassa di possesso.

Resta in contatto con noi e fai sapere ai tuoi amici di questo articolo! Condividi: