Lino Ferrara: Mi dimetto!

Pubblicato il: 10 apr, 2012 - Tag:, ,
nauticsud-parla-lino-ferrara

E’ notizia di pochi giorni fa: Lino Ferrara, da anni presidente del NAUTICSUD (fiera nautica giunta alla 43^ edizione), con una lettera all’ente Mostra d’Oltremare da le sue dimissioni. La stessa lettera, successivamente, è stata resa pubblica ed è possibile visionarla andando semplicemente all’indirizzo www.nauticsud.com.

Abbiamo chiesto a Lino Ferrara, un ulteriore commento sulla vicenda e gentilmente a distanza di poche ore, ci ha risposto così:

Ovviamente non sono contro la Coppa America ma un evento EPISODICO non può essere l’antitodo al torpore di 40 anni di ideologismo contro la crescita della nostra città. Occorre un calendario di eventi ( anche non necessariamente così costosi ) da distribuire nell’intero arco dell’anno a seconda del periodo ed assecondando tutte le passioni ( mare, terra, cultura, sport,gastronomia,arte etc etc ) per coinvolgere diversi blocchi sociali e sopratutto va dato uno spirito internazionale non relegando tutto a mera FESTA DI PIAZZA.
Nauticsud ,senza nessuna attenzione istituzionale, ha attratto sul territorio oltre 100.000 appassionati di turismo nautico nei nove giorni di esposizione alla Mostra e prove a mare a Mergellina. Questo si chiama MARKETING TERRITORIALE e non vendiamo chiacchiere. Oggi, Nauticsud, da quando sono presidente, rappresenta gli interessi del turismo nautico mettendo al centro dei sui interessi l’uomo e l’ambiente che lo circonda rivolgendosi ad un mercato oggi più ampio di quello di una mera lobbyes di costruttori navali.

Per quanto riguarda Coppa America sul territorio non lascerà proprio nulla. Hanno copiato male le mie idee di progetto: non si può organizzare un evento nautico internazionale senza dotarsi di un marina turistico e in alternativa hanno sottratto la città ai cittadini per la loggistica di un porto. il baffo allungato non assolve alle esigenze di un porto ?
Hanno speso dei 30 mil totali 3,2 mil per gli eventi collaterali nella villa comunale senza nessuna opera di ripristino di nulla hanno solo organizzato una sagra di paese.
Potevano dare un piazzale asfaltato a Nauticsud dove esporre il meglio della cantieristica campana valorizzata in un contesto internazionale che sicuramente sarebbe stata apprezzata da chi si muove nell’interesse velico assicurando continuità ad un patrimonio delle città ( 43 edizioni ).

Insomma fare un grande evento episodico non significa danneggiare quello che con fatica si é costruito negli anni.

La Coppa America a Napoli, nel bene o nel male ha fatto tanto discutere. Napoli, che ha sempre ospitato il NAUTICSUD (2^ fiera più importante d’Italia dopo quella di Genova) quest’anno poteva creare una continuità tra Coppa America e lo stesso NAUTICSUD dedicando un’intero mese circa alla ri-crescita del settore nautico campano, invece si ritrova una fiera nautica costretta a slittare chissà quando!

Un ringraziamento particolare a Lino Ferrara per averci dedicato 2 righe. Grazie.

Resta in contatto con noi e fai sapere ai tuoi amici di questo articolo! Condividi: